mercoledì 23 febbraio 2011

Diario di viaggio: quarto incontro (21 febbraio 2011)

Dopo la presentazione della teoria, l'illustrazione dei principali materiali montessoriani da prendere ad esempio e un sondaggio sulle necessità degli insegnanti, finalmente, armati di cartoncini, pennarelli, computer e plastificatrici, abbiamo cominciato a creare, e in un contesto davvero laboratoriale!
Sono contento non solo perché i docenti coinvolti hanno partecipato al completamento dei materiali didattici che avevo progettato e alla loro realizzazione, con entusiasmo e competenza, ma perché sono emerse critiche costruttive ai progetti di base e sono persino nati progetti nuovi, originali (ma fedeli ai principi montessoriani), proposti, appunto, dagli stessi corsisti.

E così, nel complesso, il laboratorio del 21 febbraio ha sfornato:
1. un set di lettere smerigliate per la scuola dell'infanzia (stampatello maiuscolo)
2. un set di grosse lettere da costruire (per la scuola dell'infanzia e per i bambini con bisogni speciali)
3. due set di clessidre per la percezione classificata della durata (ispirato alle sound boxes delle Case dei bambini)
4. una serie di flashcard per l'ortografia (consonanti singole e doppie) destinata alla scuola primaria
5. una serie di flashcard per imparare a leggere le note in chiave di sol
6. un materiale per l'associazione tra numero e quantità
7. un mio materiale per la comprensione e il confronto di numeri con la virgola (decimi e centesimi
8. più copie del bellissimo materiale delle "addizioni grammaticali", (interamente ideato e progettato da una delle partecipanti :-) )
9. due materiali per l'associazione dipinto-autore e per l'identificazione del titolo del dipinto ideati da un'altra corsista.

Un post singolo sarà dedicato a ciascun materiale.
Alla prossima!

4 commenti:

Patrizia ha detto...

Bellissimo questo vostro nuovo blog!!! non vedo l'ora di vedere il materiale ... grazie per volerlo condividere con noi.
a presto Patrizia

Ninfa ha detto...

ti seguirò anche qui...questo blog è bellissimo e ricco di idee.
Quando [finalmente] mi laureerò vorrei fare un pensierino per questi PON. Ma la laurea in Giurisprudenza la richiedono? Ma a scuola non si faceva Educazione civica? E poi cosa vuol dire baby sitting, l'ho letto in un Pon. E ancora =) ma con un diploma non si pùò partecipare ad alcun PON?
Grazie mille in antiicipo e scusate per le troppe domande ma se non chiedo a voi... =)

mammachegiochi ha detto...

WOW!!!Bellissimo questo blog e il vostro progetto.Io insegno nella scuola dell'infanzia (quest'anno ho un sostegno)qualsiasi vostro contributo, idea, iniziativa lo terrò presente!!!
p.s ... cos'è un PON???

Camel Profy ha detto...

@Patrizia: Grazie! benvenuta! il materiale è in arrivo... devo scannerizzarlo (perché è per metà fatto al pc e per metà fatto a mano). Sono un po' lento perché mi sono beccato l'influenza...
@Ninfa: un benvenuto anche a te! La laurea in giurisprudenza è titolo se vuoi insegnare in un PON su argomenti giuridici :-) ce ne sarebbe un gran bisogno! L'educazione civica oggi si chiama Cittadinanza e costituzione... ribadisco che è una materia cui bisognerebbe dedicare più ore.
@mammachegiochi: Grazie! benvenuta! Siamo felicissimi di condividere con tutti quelli che passano di qui le nostre esperienze. E siamo costantemente in cerca di collaborazione e di suggerimenti!
I corsi PON sono corsi pomeridiani gratuiti (per studenti o per docenti, ma in alcuni casi destinanti anche ai genitori ecc.) finanziati (nel nostro caso) con fondi dell'Unione Europea.